Centro Mondiale Bnei Baruch per gli Studi di Kabbalah | kabbalah.info

A+ A A-

Corriere della Sera

Perché le favole della Kabbalah?

Editoriale di Andrea Salvatici

 

Andrea Salvatici
12 maggio 2009

 

Versione Originale

 

Il posto delle favole accoglie con soddisfazione "Le favole della Kabbalah" perché condivide l'amore per i bambini, perché ama la fantasia e il racconto. Storie che parlano dell'amicizia, dello stare insieme. Dell'unirsi per raggiungere un obiettivo, del fatto che ciò che fai per un amico ha un enorme valore, che l'amico possa essere esteriormente molto diverso da te e soprattutto del fatto che si sia tutti interconnessi e responsabili l'uno dell'altro.

Sono favole moderne scritte e pensate con grande amore verso i bambini. Sono tutte originali così come i disegni che le accompagnano. Un intero dipartimento con numerose persone si dedica giornalmente a costruire programmi per bambini, favole, giochi e quant'altro con il solo scopo in mente di dare alle nuove generazioni tutti gli strumenti necessari per crescere in un mondo integrale e globale. In queste favole emerge in modo chiaro e netto la voglia di condividere, di comunicare e di cogliere nella diversità la vera possibilità di cambiamento. Basta con le separazioni, con le chiusure, è un mondo che cambia, che si modifica, che si confronta, che interagisce, che si connette perché vuole comunicare. In queste storie l'egoismo, la diffidenza, l'ottusità, la paura dell'altro sono fortemente messe in discussione ma con delicatezza e profondità.

Una profondità che non ha bisogno di messaggi complicati e astrusi ma al contrario sono semplici ed immediati. Qui i bambini comprendono subito i contenuti della storia. Raccontare una favola ad un bambino è un momento straordinario perché nasce un'alchimia colorata tra il racconto e il bambino, dove la fantasia fa parlare un vecchio camino del rispetto verso gli altri, della forza della saggezza, dell'aprirsi all'altro, della conoscenza, del vivere con gli altri. Con un senso meraviglioso di tolleranza verso gli altri, verso tutti i tipi di pensiero e di idee. E' solo così che si protegge l'innocenza e la ricchezza dei bambini. E' solo così che possiamo vivere in un mondo migliore partendo dai bambini! Non ci resta altro che iniziare a leggere queste bellissime favole e di apprestarci a vivere "L'ora del racconto" come dice la scrittrice Elisabetta Gnone. Ecco perché sono in questo blog. www.kabbalah.it

 

Se desideri contattare i nostri addetti stampa, e i responsabili Comunicazione e Web Marketing, scrivi al seguente indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.