Centro Mondiale Bnei Baruch per gli Studi di Kabbalah | kabbalah.info

A+ A A-

I miei genitori sono dinosauri

 

Quando i bambini ricevono le risposte di cui hanno bisogno, si disconnettono dai genitori e vivono le loro vite

 

 

Vediamo spesso come le giovani generazioni vedano negativamente i propri genitori e gli anziani, come li trattino con rabbia e reagiscano con aggressività ai consigli che vengono loro dati.

Se vedessimo questa rabbia come un segnale di qualcosa di più profondo, capiremmo che forse hanno ragione, perché le generazioni precedenti non stanno loro dando ciò di cui hanno bisogno.

Cosa diamo oggi alle giovani generazioni? Apparentemente esse posseggono tutto: snack, televisione o videogame. Ma non è quello che chiedono, non quello che vogliono, non quello al quale sono destinati, a loro manca la risposta alla domanda: “Per quale ragione vivo?” e questa mancanza si manifesta sotto forma di violenza e rabbia.

Perché esistono una vecchia e una nuova generazione? I vecchi dovrebbero fornire ai giovani le informazioni sulla vita, saggi consigli e come districarsi fra i problemi della vita stessa, per rispondere alla fondamentale domanda esistenziale: “Dove sono?”, “A che scopo?” ,“Perché?” ,“A che serve la mia vita?”.

Sfortunatamente, più spesso di quanto non si immagini, ciò non accade. La maggior parte dei genitori stessi non conosce la risposta a queste domande. Ebbene, questo non li esime dall'obbligo di fornire ai loro figli ciò di cui hanno bisogno? Certo che no! Se i genitori non hanno le risposte, dovrebbero cercarle.

I figli dicono: “Mi hanno voluto, mi hanno portato in questo mondo e sembra che mi ci abbiano buttato, senza aiuto”. Questo è ciò che sentono nel loro intimo.

Non ricevendo tali risposte, i figli si disconnettono e si allontanano dai propri genitori.

Un bambino torna a casa, mangia qualcosa e vive la propria vita. Padri, madri e tutti coloro che stanno là fuori sono come macchine che provvedono ai loro bisogni materiali. Ogni altra cosa riguardi la loro anima o i loro bisogni più intimi non ha nulla a che fare con loro. Chi sono quelle persone? Dinosauri o robot che li servono. Ciò è come i genitori appaiono ai figli.

Potrebbe essere diverso? Solo se i genitori stessi ricevessero un'educazione diversa.

Se i figli vedessero i loro stessi genitori interessarsi all'essenza della vita, alla ragione dell'esistenza e a come ottenerla, se vedessero i loro genitori evolvere giorno per giorno, i figli sentirebbero come possono ottenere risposta ad ogni domanda.

I genitori potrebbero loro spiegare cosa succede nel mondo e perché, aiutarli a capire le proprie crisi, così potrebbero relazionarsi col mondo correttamente. I genitori potrebbero non solo spiegare queste cose ma anche infondere loro sicurezza e coinvolgerli in questa saggezza.

Purtroppo, se i figli vedessero in profondità quanto i propri genitori siano poveri di spirito, se potessero testimoniarlo divorziando, prendendo droghe o perdendo il proprio tempo, sprecando le proprie vite, che atteggiamento avrebbero nei loro confronti?

I bambini di oggi sono molto intelligenti.

È per questo motivo che i genitori dovrebbero capire che, per il loro bene, dovrebbero prima di tutto educare sé stessi.

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e di profilazione o di terze parti) per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. In particolare i cookie di terze parti li usiamo per personalizzare i contenuti e la pubblicità, per fornire funzioni correlate ai social media e per analizzare il traffico verso il sito. Condividiamo inoltre informazioni sull'uso del sito da parte dell'utente con i nostri partner fidati che operano nel settore dei social media, della pubblicità e dei dati statistici. Può conoscere i dettagli consultando la nostra cookie policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito o disabilitare i cookie seguendo le seguenti istruzioni: Disabilita COOKIE
https://www.kabbalah.it/informativa-privacy#cookiespolicy Accetta Non Accettare