Regolamento

REGOLAMENTO PARTECIPAZIONE CORSO

Mediante l’accettazione del presente regolamento

DICHIARO:

  • Di essere maggiorenne;
  • Di non soffrire di disturbi mentali e/o psichiatrici e di arrivare alla lezione fisica o virtuale in uno stato sobrio e non alterato da alcuna sostanza stupefacente;
  • Accetto, inoltre, di rispettare le seguenti regole comportamentali, in occasione delle lezioni, all’interno del gruppo Facebook e/o nelle sedi dei Campus di studio. A tal fine, mi impegno, in particolare:
    • A non trattare argomenti estranei al percorso di studio;
    • A non disturbare gli altri studenti durante lo svolgimento delle lezioni;
    • A rispettare le buone regole di educazione, evitando aggressioni di tipo verbale e/o fisico, mantenendo un linguaggio consono ed educato, privo di volgarità e presentandomi abbigliato con decoro.
    • Per i corsi a frequenza obbligatoria, a seguire in maniera costante le lezioni e comunque avvisare gli insegnanti nel caso di prolungata assenza.

Linee guida della community

La missione dell’Accademia di Kabbalah è di fornire un accesso universale alla saggezza della Kabbalah autentica. La nostra community globale sta crescendo ogni giorno e ci sforziamo di accogliere le persone in un ambiente di sviluppo e di insegnamento della saggezza ai nostri studenti, nonché libertà di discussione, idee, discorsi e opinioni. Vogliamo anche assicurarci che tutti i nostri studenti e insegnanti si sentano sicuri e a loro agio mentre si trovano nel nostro ambiente. Abbiamo redatto queste linee guida per garantire che le persone comprendano e seguano le regole quando partecipano alla nostra community online e altrimenti utilizzano i nostri servizi.

Sebbene non eseguiamo periodicamente il monitoraggio dei contenuti forniti dagli utenti, possiamo rimuovere o modificare contenuti o attività inappropriati a noi segnalati o sospendere, disabilitare o interrompere l’accesso di un utente a tutti o parte dei Servizi. Questo viene fatto per garantire che l’ambiente dell’Accademia di Kabbalah sia libero da contenuti offensivi o distruttivi che non favoriscano l’impostazione di apprendimento che stiamo cercando di creare.

Condivisione di materiali da fonti esterne

Per rispettare e promuovere il progresso dei nostri studenti, la nostra politica è che agli studenti sarà garantito di trovare solo materiali autentici di Kabbalah da fonti autentiche Kabbalistiche sui siti web di Beni Baruch. Le fonti autentiche per l’uso all’interno dell’Accademia di Kabbalah sono principalmente quelle scritte da Baal HaSulam, Rabash, Dott. Laitman, Rav Kook e altri Kabbalisti e fonti menzionate nei loro scritti. L’Accademia di Kabbalah ritiene che gli scritti di questi Kabbalisti comprendano quelli più rilevanti per il progresso nel nostro tempo. Ciò è in accordo con la nostra intenzione che l’ambiente dell’Accademia di Kabbalah dovrebbe essere un luogo in cui gli studenti possano accedere e attuare un approccio ottimale e semplificato al raggiungimento dei mondi spirituali e assunto che solo coloro che hanno già percorso il sentiero che conduce dal nostro mondo oltreo la barriera verso il Mondo Superiore sono in grado di definire per gli altri ciò che appartiene a quel percorso. Pertanto, chiediamo cortesemente agli studenti di non pubblicare materiali esterni, comunque pertinenti, utili o compatibili con il nostro approccio che potrebbero apparire. Gli studenti sono invitati a condividere media, articoli, citazioni, ecc. che sono stati pubblicati su uno dei canali di Bnei Baruch (Facebook, Youtube, Twitter, il sito kabbalah.it, ecc.). I materiali dei siti Bnei Baruch sono garantiti come autentici e basati sul lavoro di veri kabbalisti che hanno raggiunto i mondi spirituali.

Ovviamente rispettiamo sinceramente la libertà di ogni studente di esplorare e condividere altri approcci al di fuori della piattaforma dell’Accademia di Kabbalah.


Mediante l’accettazione del presente regolamento, accetto i suoi termini in ogni sua parte ed accetto inoltre che gli insegnanti possano esonerarmi dal corso a loro insindacabile giudizio qualora il mio comportamento sia difforme dalle predette regole e/o qualora ritengano questo percorso inadatto a me.