Cerca risultati per: zohar

Che cos’è lo Zohar?

Lo Zohar è il libro dei libri della saggezza della Kabbalah. Si sta rivelando oggi per farci progredire verso una dimensione più elevata. Cosa c’è di così speciale nello Zohar e nella saggezza della Kabbalah? Quali sono i motivi del fatto che proprio oggi questa saggezza supera tutte le barriere e arriva al centro della vita umana e si evolve con un ritmo molto rapido? L’umanità si evolve sempre , nei tempi passati i desideri erano basilari, desiderio per il cibo, il sesso, la famiglia, rifugio e così via… Desideri naturali che sono una necessità fondamentale per la sopravvivenza ; poi si sono sviluppati desideri più grandi, per la ricchezza, il controllo, onore e conoscenza. Durante tutta la storia, generazione dopo generazione, abbiamo cercato di riempire tutti i desideri che si sono svegliati in noi, di trovare in tutto questo sviluppo la felicità, l’amore, una vita migliore. Oggi vediamo che tutta …

Continua a leggere

Discorso per il completamento de Lo Zohar (KFS)

È risaputo che il fine desiderato del lavoro nelle Torah e nelle Mitzvot è quello di aderire al Creatore, poiché è scritto: “E di aderire a Lui”. Dobbiamo comprendere che cosa significa Dvekut (adesione) al Creatore. Dopotutto il pensiero non ha assolutamente nessuna percezione di Lui. I nostri saggi, invero, hanno discusso questa questione prima di me, ponendosi le seguenti domande riguardo al versetto “E di aderire a Lui”: “Com’è possibile aderire a Lui? Dopotutto, Egli è fuoco che consuma”. Ed essi risposero: “Aderisci alle Sue qualità: così come Lui è misericordioso, sii misericordioso; così come Lui è compassionevole, sii compassionevole”. Questa risposta lascia perplessi; come mai i nostri saggi hanno deviato dal significato letterale? Dopotutto è scritto esplicitamente: “E di aderire a Lui”. Se il significato fosse stato quello di aderire alle Sue qualità, si sarebbe dovuto scrivere “Di aderire alle Sue vie”. Allora come mai il versetto dice …

Continua a leggere

Introduzione al Libro dello Zohar

8…..E in base a ciò che è stato interpretato già sopra, l’argomento è ben comprensibile. Poiché nello stesso modo che l’ascia taglia e distingue la cosa materiale dividendola in due, così anche nello spirituale la diversificazione della forma separa dividendolo in due. Ad esempio, quando due persone si amano, dirai che aderiscono come un solo corpo. Ed al contrario, quando si odiano, dirai che sono lontani, uno dall’altro, come l’est dall’ovest. E non è un caso di vicinanza tra i luoghi e neppure la lontananza tra i luoghi, ma l’intenzione riguarda l’equivalenza della forma. Ed essendo essi uguali nella forma, ciascuno col proprio compagno, amando tutto ciò che ama il compagno e odiando tutto ciò che odia il compagno, e così via, li troviamo nell’amore in adesione tra di loro. E nel caso ci fosse qualche diversificazione di forma tra loro, e cioè che uno ama una cosa nonostante il suo …

Continua a leggere

Prefazione al Libro dello Zohar

Item 1. La profondità della saggezza  e dell’insegnamento contenuti nel Santo Libro dello Zohar   è occultata dietro mille cancelli chiusi. Il linguaggio umano , essendo povero e secco , non ci serve né come strumento adatto né come mezzo sufficiente di espressione per svelare il pieno significato persino di una singola frase  nel “Libro dello Zohar”. Le mie spiegazioni sono solo i gradini di una scala. Ho inteso aiutare lo studente  a conseguire le altezze dalle quali egli potrebbe vedere e investigare  ciò che il Libro stesso espone. Dunque , in questa prefazione, trovo necessario  preparare lo studente  interessato allo “Zohar”  fornendogli le corrette definizioni , per mostrargli come studiare e imparare dal libro. Item 2. Fin dall’inizio uno dovrebbe essere consapevole che ogni concetto discusso nel “Libro dello Zohar” , che sia nel linguaggio delle leggende o dei racconti, riguarda le Dieci Sefirot : KaHaB (Keter, Hochma, Bina) , …

Continua a leggere

Non è Tempo di Radunare il Bestiame

“Non è tempo di radunare il bestiame. Date da bere al bestiame e andate a pascolare”. (Genesi 29:7). È risaputo che tutte le parole del giusto si rivolgono verso l’alto, come gli è stato detto, “E fu rivelato dai pastori di Haran”. È così perché era impossibile far rotolare via la pietra dall’imboccatura del pozzo, dove Rachel si rivelò, prima che tutte le greggi fossero radunate e la pietra fosse rotolata via dall’imboccatura del pozzo. Secondo la mia modesta opinione, si può dire che prima di ogni rivelazione, ci dev’essere una copertura, come l’oscurità prima del mattino. Per questa ragione, poiché Yaakov arrivò al pozzo in cui ci fu il rivelarsi di Rachel a Yaakov, egli non sentì l’amore di Rachel come gli successe lungo la via, mentre la seguiva con il suo bastone lungo il Nehar haYarden (Giordano). Questa è la ragione per cui egli si mise in viaggio …

Continua a leggere

Introduzione al Libro Pri Hacham (Il Frutto del Saggio – Baal HaSulam)

Introduzione del figlio dell’autore Domenica, 1° del mese di Kislev, TASHMA, 25 Novembre 1984 E guarda la scala posta sulla terra, la sua cima ha raggiunto il cielo. Che gli amici si rallegrino e che tutti siano gioiosi. Gli amici amati esulteranno quando vedranno cose piacevoli. Queste le parole che scrisse mio padre ed insegnante, di onorata memoria. E qui vengo a lodare mio padre e maestro, le cui parole sante brillano sulla nostra generazione, la generazione dell’oscurità e dell’occultamento. E a proposito dell’occultamento e della rivelazione, ne ho sentito parlare da lui, il santo, alla vigilia di Sukkot del 1942 a Gerusalemme, quando entrò nella Sukkah per vedere se era stata costruita come si doveva. Egli disse che ci sono due discernimenti nella Sukkah: 1. La Nuvola 2. I rifiuti del granaio e della cantina. Ed egli spiegò: Nuvola, è l’occultamento, come una nuvola che nasconde il sole. Se …

Continua a leggere

L’insegnamento della Kabbalah e la sua essenza

LO SCOPO DELLA CREAZIONE DALL’ALTO VERSO IL BASSO DAL BASSO VERSO L’ALTO LA NECESSITÀ DI STUDIARE LA KABBALAH LA TORAH COME UNA SPEZIA LA MAGGIOR PARTE DELLE PAROLE DELLA TORAH SONO PER LO STUDIO IL COMANDAMENTO È UNA CANDELA E L’INSEGNAMENTO È LUCE NON TUTTE LE PORZIONI DELLA TORAH HANNO LA STESSA LUCE LA NECESSITÀ E LA RIVELAZIONE DELL’ESPANSIONE DELLA SAGGEZZA LE ESPRESSIONI SPIRITUALI IL LINGUAGGIO DELLA BIBBIA IL LINGUAGGIO DELLE LEGGI IL LINGUAGGIO DELLE LEGGENDE IL LINGUAGGIO DEI KABBALISTI IL LINGUAGGIO DELLA KABBALAH È CONTENUTO IN TUTTO L’ORDINE DI EVOLUZIONE DEI LINGUAGGI IL LINGUAGGIO DELLA KABBALAH È COME UNA QUALUNQUE LINGUA PARLATA, ED IL SUO VANTAGGIO STA NEL SIGNIFICATO CONTENUTO IN OGNI SINGOLA PAROLA! LA SAGGEZZA DIMENTICATA LA KABBALAH DELL’ARI LA MODALITÀ DEL PASSAGGIO DELLA SAGGEZZA LA RADICE E IL RAMO NEI MONDI L’ESSENZA DELLA SAGGEZZA DELLA VERITÀ L’UNIONE CONCEDERE IL PERMESSO I NOMI ASTRATTI L’ESSENZA NON È PERCEPITA …

Continua a leggere

Cosa cercare nell’assemblea degli amici (art.30)

I nostri saggi dissero (Avot, Capitolo 1,6): “Fai per te un Rav (insegnante), comprati un amico e giudica ogni persona favorevolmente”. Dobbiamo comprendere il collegamento tra “Giudica ogni persona favorevolmente” e “Comprati un amico”. Anche in Matan Torah (Il Dono della Torah, p. 30) è scritto che la Mitzva [comandamento] “Ama il tuo amico come te stesso” è per conseguire l’amore del Creatore, che è la Dvekut [adesione] a Lui. Egli scrive: “È ragionevole pensare che la parte della Torah che tratta della relazione dell’uomo con il suo amico sia la più indicata per portare l’uomo alla meta desiderata. Questo perché il lavoro nelle Mitzvot [comandamenti] tra l’uomo e Dio è fisso e specifico, e non è impegnativo, e la persona si abitua facilmente, e tutto quello che non fa parte delle sue abitudini non è più utile. Ma le Mitzvot tra uomo e uomo cambiano e sono irregolari, e …

Continua a leggere

La Saggezza di Israele rispetto alle Saggezze del Mondo esterno

IL LIVELLO DI RIFERIMENTO IN BASE AL QUALE VALUTARE UNA SAGGEZZA Il livello di ogni saggezza del mondo si basa sullo scopo che persegue. Questo è il risultato a cui tutte le considerazioni devono mirare. Perciò, una saggezza senza uno scopo è inconcepibile tranne che nei giochi dei bambini, poiché il loro scopo, in base alla loro valutazione, è di stare insieme per passare un po’ di tempo. Per questa ragione, una saggezza non è valutata sulla base dell’acutezza o della conoscenza, ma sulla base del merito dello scopo che persegue. Perciò, vedi che ogni saggezza esteriore è diretta solamente allo scopo della corporalità, e certamente oggi o domani non ci sarà più. In questo caso, è sufficiente che l’oggetto sia come quanto si asserisce. E nonostante la saggezza, di qualunque cosa si occupi, presenti molti vantaggi nei suoi vari contenuti, resta comunque un elemento spirituale, ma abbiamo già detto …

Continua a leggere

Ricordare

Ricordare e dimenticare, tenere e perdere. I due punti. Conseguire una cosa vera. Accettare i nostri Saggi come testimoni affidabili. L’Anima del seguace. Le tre fazioni. Questo mondo e il mondo a venire. RICORDARE E DIMENTICARE, TENERE E PERDERE Durante l’esilio, che è considerato “il mondo femminile”, il mondo si trova in uno stato di protezione. E colui che difetta il proprio lavoro potrebbe perdere ciò che gli è stato dato. E la Dvekut (adesione) in questo mondo avviene per mezzo della forza della protezione, e l’abbellimento della forza della protezione avviene per mezzo dell’elevazione dell’emozione, così come l’elevazione della completezza dell’uomo e della forza della sua Dvekut. Però, in futuro, non ci sarà alcuna paura delle perdite e dei furti, poiché la morte sarà inghiottita per sempre. E qui il lavoro è limitato al “ricordare”. E sebbene, di conseguenza, la forma di un uomo dovrebbe essere sufficiente, la natura …

Continua a leggere